Esercizio, grassi e carboidrati

16 Agosto 2018 Pubblicato in Fitness

Gli alleati per la tua energia

Il contributo relativo di grassi e carboidrati è determinato da intensità, durata, dieta pregressa, disponibilità del substrato (ovvero quanti carboidrati e grassi sono immediatamente disponibili), livelli di fitness e fattori ambientali.

Sebbene in misura più ridotta vi sia anche l’ossidazione degli amminoacidi, questa è una fonte energetica secondaria, in gran parte delle situazioni di attività motoria ed esercizio fisico, ma non è comunque da tralasciare.

Quella che segue è una guida generale, in quanto ciascuna situazione va considerata a sé:

Attività ➡️ Cibi

Camminata ➡️ Soprattutto grassi e pochi carboidrati

Jogging ➡️ Soprattutto grassi e pochi carboidrati

Camminata spedita ➡️ Carboidrati e grassi

Sprint ➡️ Soprattutto carboidrati

Placcaggio ➡️ Soprattutto carboidrati

Sollevamento pesi ➡️ Soprattutto carboidrati

Ovviamente questo non è un quadro esauriente, perché l’organismo ha altri moti di creare energia, attraverso l’uso di fosfati.

Per utilizzare le nostre riserve di grassi è necessaria la presenza di carboidrati.

Se quindi, durante svariate forme di sport o di attività motoria, l’individua manifesta segni evidenti di affaticamento, ciò indica un calo delle riserve di carboidrati, che rappresentano la fonte energetica preferita dell’organismo.

Infatti agli sportivi viene solitamente consigliato di costituire ampie riserve di glicogeno, attraverso una dieta ad elevato apporto di carboidrati.

Fonte: Kunle Odetoyinbo, MSc BSc (Hons) CN Med.

Per conoscere come i più importanti sportivi mantengono alte le loro riserve energetiche, scrivimi qui.

“Il mondo appartiene agli energici” (Ralph Waldo Emersono)

 La tua benessereDEA